14 | 11 | 2019
Migrazione sito

Completata la migrazione del sito www.riforme.info ad una versione più aggiornata del sistema di gestione CMS.

Cosa cambia

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Flash


Il Porcellum non c'è più, cancellato dalla Consulta

"6.– La normativa che resta in vigore per effetto della dichiarata illegittimità costituzionale delle disposizioni oggetto delle questioni sollevate dalla Corte di cassazione è «complessivamente idonea a garantire il rinnovo, in ogni momento, dell’organo costituzionale elettivo», così come richiesto dalla costante giurisprudenza di questa Corte."
 
Si può quindi tornare al voto domani stesso senza resuscitare porcate del passato, Mattarellum, o inventarsene di nuove.

Sospensione Rassegna Stampa aggregata

La RASSEGNA STAMPA AGGREGATA è stata momentaneamente sospesa per problemi tecnici

Migrazione CMS: cosa cambia

Con l'inizio del nuovo anno è stata completata la procedura di migrazione dalla precedente versione del sistema di gestione CMS, Joomla 1.5, alla nuova versione stabile Joomla 2.5.

Ci sono ovviamente stati alcuni problemi nel cercare di replicare l'esatto contenuto del sito, in quanto per alcune estensioni, importazioni RSS e Commenti, ad esempio, non è stato possibile effettuare la migrazione.

Un grazie anticipato, infine, per le eventuali segnalazioni di malfunzionamento del sito.

Elezioni 2013: Astensione nei seggi con verbalizzazione

Come già successo nel 2008, stanno fiorendo numerose iniziative che propongono di astenersi al voto nei seggi chiedendo di verbalizzare una protesta.
Dato che tra i siti segnalati per informarsi meglio vi è anche "Riforme Istituzionali", una precisazione è d'obbligo.
Si ribadisce che questa iniziativa di astensione con protesta nei seggi, che il sito Riforme Istituzionali ha promosso e sostenuto nel 2001 e nel 2008, non può in ogni caso avere alcun effetto concreto, sia in positivo che in negativo, sui criteri di assegnazione del premio di maggioranza.

Leggi tutto...

Elezioni 2013:prepariamoci a protestare nuovamente nei seggi

Considerati i precedenti, la polemica sulla soglia minima del 42,5% per ottenere il premio di maggioranza non è ridicola: di più!
Alle precedenti elezioni è stata sempre superata, per cui, non sembrerebbe così impossibile da raggiungere.
Piuttosto, lo scandalo è un altro: qui si continua ad avere la pretesa di poter avere i numeri per governare anche se sei solo al 42,5%, cioè togliendo i seggi che dovrebbero spettare agli altri elettori che non ti votano.

Nel 2008 c'è chi protestò nei seggi lamentando l'assegnazione del premio di maggioranza indefinito.
Nel 2013 sarà il caso di ripetere l'iniziativa, visto che ora viene sì proposto di assegnare il premio al raggiungimento di una soglia minima, ma vista l'esigua soglia da dover superare, già si prospetta un furto di seggi che potrebbe superare le due cifre percentuali.

Vedi la protesta nei seggi del 2008