12 | 12 | 2019

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Rassegna Stampa 2010

Riforme Istituzionali - Rassegna Stampa 2010

Se la norma infrange il diritto

di GUSTAVO ZAGREBELSKY, da repubblica.it
... l'informazione appartiene a un'altra sfera e non può diventare un'appendice, una funzione servente, un organo della politica e del governo (come avviene nei momenti eccezionali della guerra o del pericolo per la sicurezza nazionale). È la separazione dei poteri  (e l'informazione è un potere) a richiederlo e a determinare la possibilità della contraddizione. Sono i regimi autoritari, quelli in cui non vi sono contraddizioni. Ma allora, lì, la stampa vive delle informazioni che il potere politico, caso per caso o per legge non fa differenza, l'autorizza a rendere pubbliche; vive degli ossi che il padrone le butta.

Leggi tutto...

Gelmini e la disunità dello Stivale

(22-04-2010) da repubblica.it, di Michele Ainis
Al suo rientro nella vita pubblica dopo la maternità (auguri), il ministro Gelmini ha battezzato la prima iniziativa per celebrare i 150 anni dell’Italia unita: la disunione dei docenti. Come? Con una legge sugli insegnanti regionali, che ammetta in graduatoria soltanto chi risiede in quel determinato territorio.

Leggi tutto...

Insegnanti, Consiglio di Stato contro la Lega - "No a graduatorie che favoriscano i residenti"

Da repubblica.it - La suprema corte amministrativa accoglie il ricorso di un docente veronese "penalizzato" a Trento
I giudici dichiarano illegittimo il bando della Provincia autonoma e girano il caso alla Corte costituzionale

Leggi tutto...

Pasticcio Puglia: «I consiglieri regionali? Devono essere 70», parola del legale del pasticcio-Lazio

Gianluigi Pellegrini è un esperto di materia elettorale: «Non vi è alcun problema di interpretazione
I consiglieri regionali da proclamare sono 70, come prevede lo Statuto, e non 78, come vorrebbe la norma del Tatarellum cui la legge pugliese fa rinvio.

Leggi tutto...

La Repubblica democratica di Sanremo

Da Repubblica.it - Ilvo Diamanti
Il risultato del Festival di Sanremo è utile a capire come funziona la democrazia rappresentativa. Tanto più e soprattutto in un sistema maggioritario e presidenziale, dove "vince uno solo". Quello che prende più voti. Al tempo della democrazia personale e mediatica. Naturalmente, dipende dagli elettori. Il "popolo sovrano". Che in questo caso, come abbiamo visto, non è uno solo. I popoli sovrani sono molti e non la pensano allo stesso modo. Anzi, pensano in modo molto diverso.

Leggi tutto...

Manovratori di opinioni

23-01-2010, da lastampa.it - Mario Deaglio
A prima vista non si direbbe che il governo della Repubblica Popolare Cinese e la Corte Suprema degli Stati Uniti abbiano molto in comune. Eppure nelle ultime quarantott’ore hanno adottato decisioni o preso posizioni sostanzialmente simili che potrebbero incidere molto fortemente sulla vita dei normali cittadini. Al di là delle apparenze, in entrambi i casi rischia di essere limitato il diritto di esprimere, diffondere o ricevere opinioni su Internet.

Leggi tutto...

Presidenzialismo all’italiana - I Consigli regionali svuotati

da il corriere.it - di Ernesto Galli della Loggia
Il 28 e 29 marzo gli italiani andranno a votare per eleggere, insieme ai «governatori» delle 15 regioni interessate, altrettante assemblee la cui utilità è da considerare in pratica eguale a zero: i consigli regionali.

Leggi tutto...

Calderoli, ministro della complicazione

Da il corriere.it, 10 gennaio 2010 - Dopo il decreto taglia-leggi si è dovuto fare il decreto salva-leggi

Leggi tutto...

Discorso del Colle, consenso bipartisan

da lastampa.it - Consenso bipartisan sul discorso di fine anno di Giorgio Napolitano. Il premier Silvio Berlusconi ha telefonato a Napolitano per esprimergli il proprio apprezzamento.

Leggi tutto...

Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

"Buona sera a voi che siete in ascolto.

Nel rivolgervi, mentre sta per concludersi il 2009, il più cordiale e affettuoso augurio, vorrei provarmi a condividere con voi qualche riflessione sul difficile periodo che abbiamo vissuto e su quel che ci attende. Un anno fa, molto forte era la nostra preoccupazione per la crisi finanziaria ed economica da cui tutto il mondo era stato investito. La questione non riguardava solo l'Italia, ma avevamo motivi particolari di inquietudine per il nostro paese.

Leggi tutto...