08 | 12 | 2019

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Notizie 2012

Verso il Porcellum «corretto»

ROMA Doppio turno alla francese, sindaco d'Italia, modello spagnolo. Lo tzunami delle comunali ha fatto tramontare il proporzionale alla tedesca sia pure corretto.

Prosegui la lettura su ilsole24ore.com

Referendum «anticasta»: la Sardegna dice sì all'abolizione di quattro province. Quorum superato in tutti i 10 quesiti

Abolite le quattro Province che erano state istituite dieci anni fa: Gallura, Medio Campidano, Sulcis, Ogliastra. Inoltre andrà rivisto lo status economico dei consiglieri regionali. Tutti i quesiti referendari

Prosegui la lettura su ilsole24ore.it

La Costituzione degli sherpa

La Presidenza di LeG - Apprendiamo da una intervista all’Unità dell’on. Luciano Violante che “entro maggio ci sarà il voto del senato sulla riforma costituzionale”, che gli stessi autori chiamano “riforma degli sherpa”: di coloro cioè che avrebbero molto faticato per consentire alle vecchie istituzioni italiane di raggiungere vette di modernità e democrazia mai raggiunte prima.
Libertà e Giustizia ribadisce di preferire la Costituzione del ’48 alla Costituzione degli sherpa, che fra l’altro renderà ancora più succube il Parlamento alla volontà del capo del governo.

Leggi tutto...

Regressione costituzionale

di Gianni Ferrara - costituzionalismo.it

Con l’approvazione del Senato in seconda deliberazione si è concluso ieri il procedimento di revisione dell’art. 81 della Costituzione. Male! Un giudizio, questo, non tanto distante da quello che si arguiva dalle parole di chi dichiarava, dai banchi della sinistra, un voto più … disciplinato che convinto. Con l’approvazione di tale legge costituzionale la politica economica è sottratta al Parlamento italiano, al Governo italiano, al corpo elettorale italiano.

Con tale approvazione la nostra Costituzione … non è più nostra. È stata trasformata in strumento giuridico funzionale ad un feticcio, quello neoliberista, che la tecnocrazia finanziaria europea interpreterà volta a volta dettando le misure che dispiegheranno la mistica del feticcio.

Leggi tutto...

No alla revisione dell’art.81. Referendum!

Il Senato riprende la discussione sul pareggio di bilancio imposto dai diktat dell’Unione Europea. Il Comitato No Debito convoca una manifestazione sotto il Senato per martedì 17 aprile e invita a far fischiare le orecchie ai senatori per votare contro e far svolgere il referendum.

Leggi tutto...

Riforme istituzionali, c'è la bozza definitiva ridotti parlamentari, si abbassa età eletti

I tecnici di Pd, Pdl e Udc hanno messo a punto il progetto di modifica costituzionale. Il testo sarà consegnato oggi ai gruppi parlamentari. Previsti il superamento del bicameralismo perfetto, il rafforzamento dei poteri del premier e la sfiducia costruttiva. L'iter inizierà al Senato

Prosegui la lettura su repubblica.it

Introduzione del pareggio di bilancio in Costituzione: forse non tutto è perduto

sit-in_Senato-art81Aggiornamento dal Comitato No Debito: Sit-in, 17 aprile, ore 16.00, davanti al Senato

Sembrava ormai cosa fatta, ma il nuovo rinvio del voto alla prossima settimana fa tirare un sospiro di sollievo ai partecipanti del sit-in che si è tenuto ieri pomeriggio davanti al Senato.
Un’altra settimana, e non è poco, per cercare di rompere il muro di silenzio che è stato innalzato per nascondere ai cittadini l’approvazione della modifica costituzionale per introdurre il pareggio di bilancio in Costituzione.
Una mobilitazione per lo più spontanea, senza una vera organizzazione alle spalle, ma che vede aumentare, di giorno in giorno, gli appelli contro lo stravolgimento della Costituzione; o per chiedere, quanto meno, che il Parlamento del Porcellum abbia la decenza di non approvare la modifica con la maggioranza dei due terzi, e questo per consentire ai cittadini di poter raccogliere le firme per richiedere il referendum costituzionale confermativo ai sensi dell’art. 138 della Costituzione:

Leggi tutto...

Province rimangono, ma elette da sindaci

ROMA - Novità in arrivo per le Province. Non ci sarà alcuna abolizione, ma un cambiamento nella legge elettorale che le disciplina con, secondo il governo, notevoli risparmi. Il disegno di legge, approvato in Consiglio dei ministri, ha approvato in via prevede l'elezione di secondo grado per i Consigli provinciali e per il presidente della Provincia: saranno i sindaci e i consiglieri comunali ad eleggerli. Il risparmio atteso dal nuovo sistema sarà di 120 milioni di Euro per lo Stato e di circa 199 milioni di Euro per le Province.

Prosegui la lettura su ilmessaggero.it

Ad un passo dal baratro: la revisione dell'art. 81 della Costituzione è in dirittura d'arrivo

Nel silenzio e nella disinformazione più totale, il Parlamento dei nominati e delle compravendite di voti sta per approvare una grave manomissione della Carta Costituzionale.
L'ultimo atto è previsto per mercoledì 11 aprile, quando il Senato voterà, in seconda deliberazione, una modifica simile a quella che altri Paesi stanno intraprendendo e contro la quale 5 premi Nobel per l'economia hanno rivolto, proprio in questi giorni, un accorato appello al Presidente Obama per chiedere che non venga inserito nella Costituzione il "vincolo di pareggio del bilancio".

Leggi tutto...

La Consulta censura la norma Salvabanche

La Corte Costituzionale, Presidente Quaranta, Rel. Criscuolo, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 2, comma 61, del decreto-legge 29 dicembre 2010, n. 225 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e

Prosegui la lettura su il fatto quotidiano

Riforma del mercato del lavoro: le modifiche all'art. 18

Durante la conferenza stampa di presentazione del DDL per la riforma del mercato di lavoro, il Ministro Fornero ha dichiarato di non essere una giurista.
E' il caso di dire, visto l'intervento sull'art. 18, che si vede!

Leggi tutto...

Napolitano e l’affondo sull’art. 18

Paneacqua.info - di Confucio
Da Amman, dove è in visita di stato da due giorni, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, incalzato dalle domande dei giornalisti, esterna le sue idee sulla riforma del mercato del lavoro. E non si tratta di chiacchiere, ma un vero e proprio via libera al progetto di riforma escogitato da Mario Monti ed Elsa Fornero.

Leggi tutto...