19 | 08 | 2019

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Rassegna Stampa

Rassegna stampa dei commenti e le notizie inerenti le Questioni Istituzionali.

Le ragioni del diritto (e del conflitto)

21-07-2012 Gianni Ferrara su ilmanifesto.it
La discussione sul conflitto di attribuzione sollevato dal Presidente della Repubblica nei confronti della Procura di Palermo, è di indubbia rilevanza. Lo è in sé. Lo è per lo sconcerto che potrebbe aver determinato nell'opinione pubblica. La Magistratura, la Presidenza della Repubblica e la Corte costituzionale si sono poste come argini alla devastazione dello stato di diritto programmata e perpetrata da un Presidente del consiglio e da maggioranze di governo che per quasi un ventennio hanno usato il potere pubblico per fini privati, i poteri legali per fini illegali. Il timore della rottura di questa triade della garanzia dei diritti e degli equilibri costituzionali è spiegabile. Ma, per fortuna, è infondato. I costituzionalisti intervenuti concordi su questo e su altri giornali lo hanno dimostrato. C'è qualche ulteriore motivazione.

Leggi tutto...

25 LUGLIO 1943: Una data da ricordare, con un richiamo all'oggi

Franco Astengo

Il ricordo del 25 Luglio 1943, che proponiamo in quest’occasione da uno specifico punto di vista, non può essere riservato semplicemente alla narrazione dei fatti che portarono alla caduta del fascismo, attraverso quella che generalmente viene ricordata come "una congiura di palazzo".
Appare importante, proprio in questa fase di vero e proprio "sfrangiamento" del nostro sistema politico, valutare anche i fatti di quel giorno fatidico alla luce di quanto accaduto nei successivi fondamentali passaggi dell'8 Settembre 1943 e del 25 Aprile 1945 sotto l'aspetto del dibattito e delle relative scelte che si svilupparono e furono adottate in funzione della costruzione/ricostruzione della democrazia in Italia.

Leggi tutto...

Referendum 1, furore liberista 0, però attenzione a cantar vittoria

campagna-referendum-acquaQuesto perché la Consulta ha sostanzialmente affermato che un referendum non può essere posto nel nulla o vanificato l’effetto utile, "senza che si sia determinato, successivamente all’abrogazione, alcun mutamento né del quadro politico, né delle circostanze di fatto, tale da giustificare un simile effetto".
In altre parole, se si fosse nel frattempo andati a nuove elezioni, quindi mutamento del quadro politico a seguito di voto popolare, con ogni probabilità la Consulta si sarebbe espressa diversamente.

Adesione della Giunta del IV Municipio di Roma ad Arcipelago SCEC

scecLa Giunta del IV Municipio di Roma, centrodestra, ha da poco aderito ad Arcipelago SCEC, la "solidarietà che cammina", con tanto di striscione appeso sulla facciata del Municipio.
Per chi non ne ha sentito parlare, gli SCEC sono una sorta di buono locale che può essere utilizzato presso i negozi che aderiscono all'iniziativa e che consente di ottenere uno sconto che può arrivare al 30%.
Questo "sconto" può poi però essere a sua volta riutilizzato da chi ha offerto lo sconto, di qui, quindi, alcune perplessità  circa le conseguenze derivanti dall'affermarsi di un simile meccanismo di sconti.

Leggi tutto...

No alla cancellazione dell’articolo 18

In nome delle politiche di austerità e di liberalizzazione del mercato del lavoro volute dall’UE, il governo di ‘impegno nazionale’ cancellando l’articolo 18 realizza ciò che fu impedito al governo Berlusconi.
Il disegno di legge Monti-Fornero nega il diritto alla reintegra in caso di licenziamento illegittimo, e completa la restaurazione di un regime autoritario nelle fabbriche e negli uffici.
La Costituzione, 42 anni fa, con lo Statuto dei diritti entrava nei luoghi di lavoro, oggi ne verrebbe ricacciata.

Leggi tutto...

Giuristi democratici - Art. 18: L'appello/lettera aperta alle/ai parlamentari del Pd

ALLE PARLAMENTARI E AI PARLAMENTARI DEL PARTITO DEMOCRATICO

Le Camere si accingono a discutere un disegno di legge di riforma del mercato del lavoro che viene propagandata come inevitabile, e viene giustificata con il fatto che ad oggi in Italia un imprenditore in gravi difficoltà economiche non possa ridurre il proprio personale.

Quali deputati e senatori del PD, saprete sicuramente che quanto sopra non corrisponde a verità, in quanto il nostro ordinamento prevede espressamente la possibilità di licenziare per motivi economici, essendo previsto il licenziamento per giustificato motivo oggettivo (fino a 5 dipendenti) o collettivo (oltre i 5 dipendenti) e che la stessa OCSE pone l'Italia al di sotto della media europea per quanto attiene agli indici della rigidità in uscita.

Leggi tutto...

Spending review e RAI: i nostri soldi per delocalizzare la produzione audiovisiva

È tempo di spending review e di sacrifici, ma di dove vanno a finire i soldi che la RAI spende per finanziare la realizzazione di film e fiction, non importa nulla a nessuno.
 “Un prodotto girato all’estero”, è la denunzia portata avanti dal Coordinamento Lavoratori Industria Audiovisivo (CLIC), “porta lavoro e ricchezza al di fuori dell’Italia, e se questi soldi provengono dalla RAI, i contribuenti oltre al canone pagheranno maggiori tasse per compensare il minor gettito fiscale, i mancati contributi dei lavoratori e anche per non avere ricevuto alcun beneficio in termini di ‘economia generata’.”

Leggi tutto...

“Il Parlamento blocchi la riforma costituzionale”

Con una inammissibile precipitazione il Senato ha approvato in commissione un disegno di legge di riforma costituzionale che s´intende portare in aula già martedì prossimo. Ma la Costituzione non può essere profondamente mutata senza una vera discussione pubblica, senza che i cittadini adeguatamente informati possano far sentire la loro voce. E´ inaccettabile che la richiesta di partecipazione, così forte ed evidente proprio in questo momento, venga ignorata proprio quando si vuole addirittura modificare l´intero edificio costituzionale. I cittadini, che negli ultimi tempi sono tornati a guardare con fiducia alla Costituzione, non possono essere messi di fronte a fatti compiuti.

Leggi tutto...

Articolo 18: licenziamento economico, reintegro solo in alcuni casi

La riforma del mercato del lavoro cambia l'articolo 18. Con il via libera al primo dei quattro maxiemendamenti alla riforma del lavoro sui quali il governo ha chiesto la fiducia cambiano le regole sui licenziamenti. Ecco come.

Prosegui la lettura su ilsole24ore.it

In Irlanda i cittadini decidono con il referendum - In Italia decidono i partiti

In Irlanda i cittadini decidono con il referendum
In Italia decidono i partiti
 
giovedì 31 maggio, ore 17.00
Università La Sapienza presso la facoltà di chimica, Aula La ginestra

Relatore: Gaetano Azzariti    Presiedono Emidia Papi, Franco Russo

Leggi tutto...