19 | 08 | 2019

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Rassegna Stampa

Rassegna stampa dei commenti e le notizie inerenti le Questioni Istituzionali.

Riforme, via libera in Commissione Approvata la sfiducia costruttiva

Sì alla modifiche che cambiano la Carta costituzionale. Nel provvedimento c'è anche la fine del bicameralismo perfetto. Nessuna traccia  invece del...

Prosegui la lettura su repubblica.it

La maschera del populista

Di Stefano Rodotà, La Repubblica - Berlusconi ha deciso di far saltare il tavolo delle riforme costituzionali proponendo addirittura l´abbandono della Repubblica parlamentare e il passaggio a quella presidenziale. Non è una mossa imprevista, perché da sempre ha considerato la Costituzione come un terreno di scorrerie, una merce di scambio, un oggetto odiato, dunque da aggredire tutte le volte che se ne presenta l´occasione. Ma questa volta vi è qualcosa di più. La proposta dell´elezione diretta del presidente della Repubblica è un evidente tentativo di uscire dalle difficoltà politiche nelle quali è piombato, cercando di volgere a suo favore l´onda populista che percorre l´Italia e rilanciando se stesso come protagonista di questa nuova fase, spostando così i termini della discussione interna al suo partito nella speranza di una rinnovata unificazione intorno alla sua persona.

Leggi tutto...

Volantone sulla controriforma Fornero

volantone_lavoro_pinocchioA cura del Forum Diritti/Lavoro: Volantone sulla controriforma Fornero

>>> Scarica il PDF
 
 
 

No al Presidenzialismo

Di Franco Astengo
“No al Presidenzialismo”: un “no” da avanzare immediatamente, proprio in questo momento, in cui la proposta dell’elezione diretta del Presidente della Repubblica viene “rilanciata” dall’agonizzante centrodestra e dal suo “antico” leader (sulla differenza tra presidenzialismo e semipresidenzialismo torneremo in altra occasione: adesso è il momento di proclamare nettamente, senza se e senza ma come usa dire adesso, una contrarietà di fondo).
Non basta parlare di “strumentalizzazioni”, oppure limitarci al “non c’è più tempo” riferendoci alla declinante legislatura in corso.

Leggi tutto...

Elaborazione completa relativa alle amministrative 2012

Elezioni del 6/7 e ballottaggi del 20/21 maggio

Tutto quello che c‘è da sapere sui risultati nei Comuni superori ai 15.000 abitanti (Regioni a statuto ordinario) più Gorizia e Palermo

Elaborato a cura di Legautonomie Liguria

Di Franco Astengo, Gianfranco Rossi

Sì alla riforma elettorale no alla riforma della Costituzione

altDisaffezione politica e riforma elettorale. Il risultato delle elezioni amministrative, con la conferma dell’elevata disaffezione degli elettori per

Prosegui la lettura su libertaegiustizia.it

L'Associazione "per la democrazia costituzionale" sul progetto di riforma costituzionale "Vizzini"

Lettera al Senato della Repubblica del prof. Gianni Ferrara, per conto e in nome dell'Associazione “Per la democrazia costituzionale”, sulle questioni riguardanti la riforma costituzionale in discussione nella I Commissione del Senato.

Onorevole Senatrice, Onorevole Senatore,
la ragion d’essere dell’Associazione “Per la democrazia costituzionale” ci impone di esprimere un giudizio meditato ma allarmato sul progetto di “Revisione di alcune norme della Costituzione” presentato dal senatore Vizzini il 12 aprile scorso. Ne riassumiamo i motivi.

Leggi tutto...

Verso il Porcellum «corretto»

ROMA Doppio turno alla francese, sindaco d'Italia, modello spagnolo. Lo tzunami delle comunali ha fatto tramontare il proporzionale alla tedesca sia pure corretto.

Prosegui la lettura su ilsole24ore.com

Referendum «anticasta»: la Sardegna dice sì all'abolizione di quattro province. Quorum superato in tutti i 10 quesiti

Abolite le quattro Province che erano state istituite dieci anni fa: Gallura, Medio Campidano, Sulcis, Ogliastra. Inoltre andrà rivisto lo status economico dei consiglieri regionali. Tutti i quesiti referendari

Prosegui la lettura su ilsole24ore.it

La Costituzione degli sherpa

La Presidenza di LeG - Apprendiamo da una intervista all’Unità dell’on. Luciano Violante che “entro maggio ci sarà il voto del senato sulla riforma costituzionale”, che gli stessi autori chiamano “riforma degli sherpa”: di coloro cioè che avrebbero molto faticato per consentire alle vecchie istituzioni italiane di raggiungere vette di modernità e democrazia mai raggiunte prima.
Libertà e Giustizia ribadisce di preferire la Costituzione del ’48 alla Costituzione degli sherpa, che fra l’altro renderà ancora più succube il Parlamento alla volontà del capo del governo.

Leggi tutto...