19 | 08 | 2019

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Segnalazioni

Segnalazioni
 
Riguardo gli eventi e i materiali segnalati, ritenuti utili per l'approfondimento e la discussione, il sito Riforme Istituzionali potrebbe avere opinioni divergenti.

Referendum sulla legge elettorale. Una "tragedia" in 6 atti!

In questi mesi si sono confrontate sottotraccia idee e strategie molto diverse per arrivare a modificare la attuale legge elettorale. Di seguito i 6 atti principali di una probabilissima "tragedia".

di Michele Pizzolato

1    INIZIAMO BENE! PASSIGLI PRESENTA REFERENDUM PER PREFERENZE E PROPORZIONALE. Passigli riporta il tema della riforma legge elettorale al centro del dibattito; ci riesce proponendo un referendum che, con brillante tecnica abrogativa, implica una nuova legge elettorale proporzionale con soglia di sbarramento al 4%. Una legge elettorale eccellente che annullerebbe il mostruoso premio di maggioranza della legge Calderoli e permetterebbe di trovare un adeguato equilibrio fra rappresentatività e governabilità. Al Comitato Promotore aderiscono numerosissime personalità serie quali: Giovanni Sartori, Tullio De Mauro, Gianni Ferrara, Claudio Abbado, Dacia Maraini, Renzo Piano, Inge Feltrinelli, Margherita Hack, Benedetta Tobagi, Umberto Ambrosoli... si parte alla grande!

Leggi tutto...

Referendum anti-Porcellum: ma la vogliamo smettere con le menzogne?

Legittimo volerlo cambiare, ma illecito raccontar balle

di Marco Ottanelli

Essere contrari alla legge elettorale attualmente in vigore, conosciuta come "Calderoli" o meglio "Porcellum, preferirne un'altra, ed in particolare la legge precendente, quella uninominale detta "Mattarellum", è una legittima posizione in democrazia.

Tenendo conto, poi, che le leggi elettorali NON servono in alcun modo a determinare nè la qualità della classe dirigente nè la sua coerenza con le promesse elettorali e gli elettori (Mastella, tanto per dirne uno tra i molti, fu eletto con il proporzionale con preferenze, con il Mattarellum e con il Porcellum, indistintamente, ed ogni volta passò da una parte all'altra degli schieramenti), non solo è legittimo, ma è anche talmente inutile che dovremmo ignorare con molta sufficienza quanto accade in queste settimane di raccolta di firme per un referendum abrogativo (sostenuto da molte forze politiche) che tende appunto ad abrogare il Porcellum e ripristinare, hic et nunc, il vecchio Mattarellum.

Leggi tutto...

Referendum: Mattarellum e Porcellum

Di Gianni Ferrara

C’è un falso nell’attività pubblica che il codice penale ignora. È il falso nella comunicazione politica. Ha da sempre influito sulla vita politica italiana ma col berlusconismo la ha pervasa. Ora però da fonte diversa se ne sta praticando uno gravissimo di falsi a danno della fede pubblica, degli elettori, della democrazia italiana. A commetterlo sono i promotori dei referendum elettorali che strombazzano la loro avversione al porcellum ma mirano a restaurare il .. fratello gemello: il mattarellum.

Leggi tutto...

Legge elettorale: stretti fra due referendum

Forum democrazia - giustizia - diritti di SEL Firenze, 7 settembre 2011

Lo strumento del referendum fa paura alla classe politica attuale, senza distinzione di colore. Gli ultimi referendum che abbiamo voluto e votato, ad esempio, sono stati ostacolati in tutti i modi. Ci hanno provato abolendo l'election day, poi hanno provato ad approvare una legge (che fingeva di rinunciare al nucleare) per farlo saltare. Infine quando ci siamo espressi in massa il 12 e 13 giugno contro l'assoggettamento dei beni comuni alle logiche di mercato, hanno lavorato coi peggiori azzeccagarbugli per aggirare la volontà popolare (inserendo norme illegittime all'interno della manovra finanziaria, o interpretando in maniera restrittiva il concetto di servizio pubblico, come ha fatto il sindaco di Firenze, che ha annunciato un piano di privatizzazione dei servizi molto spinto).

L'ultima tecnica per contrastare la volontà popolare e mantenere lo status quo è quella di proporre referendum concorrenti sulla stessa materia. E' quello che sta accadendo con il referendum chiamato "anti-porcellum": sono nate due iniziative referendarie per cercare di superare, contro la volontà della maggioranza parlamentare, l'attuale legge elettorale voluta da Calderoli e Berlusconi nel 2005 (legge n. 270/05), ma procedono senza il minimo coordinamento e con obiettivi contrastanti.

Leggi tutto...

5 proposte per un fronte comune contro il governo unico delle banche.

Incontriamoci il 1° ottobre a Roma
 
E’ da più di un anno che in Italia cresce un movimento di lotta diffuso. Dagli operai di Pomigliano e Mirafiori agli studenti, ai precari della conoscenza, a coloro che lottano per la casa, alla mobilitazione delle donne, al popolo dell’acqua bene comune, ai movimenti civili e democratici contro la corruzione e il berlusconismo, una vasta e convinta mobilitazione ha cominciato a cambiare le cose. E’ andato in crisi totalmente il blocco sociale e politico e l’egemonia culturale che ha sostenuto i governi di destra e di Berlusconi. La schiacciante vittoria del sì ai referendum è stata la sanzione di questo processo e ha mostrato che la domanda di cambiamento sociale, democrazia e di un nuovo modello di sviluppo economico, ha raggiunto la maggioranza del Paese.
A questo punto la risposta del palazzo è stata di chiusura totale. Mentre si aggrava e si attorciglia su se stessa la crisi della destra e del suo governo, il centrosinistra non propone reali alternative e così le risposte date ai movimenti sono tutte di segno negativo e restauratore. In Val Susa un’occupazione militare senza precedenti, sostenuta da gran parte del centrodestra come del centrosinistra, ha risposto alle legittime rivendicazioni democratiche delle popolazioni. Le principali confederazioni sindacali e la Confindustria hanno sottoscritto un accordo che riduce drasticamente i diritti e le libertà dei lavoratori, colpisce il contratto nazionale, rappresenta un’esplicita sconfessione delle lotte di questi mesi e in particolare di quelle della Fiom e dei sindacati di base. Infine le cosiddette “parti sociali” chiedono un patto per la crescita, che riproponga la stangata del 1992. Si riducono sempre di più gli spazi democratici e così la devastante manovra economica decisa dal governo sull’onda della speculazione internazionale, è stata imposta e votata come uno stato di necessità.

Leggi tutto...

Seminario: "Proporzionale e democrazia"

Intervengono: Gianni Ferrara, Cesare Salvi, Franco Russo.

Leggi tutto...

Il potere di scioglimento delle Camere come atto complesso

Di Gaetano Azzariti, da costituzionalismo.it
... appare mal formulata la domanda troppo secca, riproposta con insistenza nel dibattito politico: “Può il Capo dello Stato sciogliere le Camere contro la volontà del Governo?”. Essa tende a non considerare la complessità costituzionale della scelta di interrompere il corso della legislatura, che non può dipendere né dal volere assoluto del Presidente, né può essere impedita in ogni caso dal potere di veto del Governo.
Vai all'articolo

ONU e Articolo 11

Da Costituzionalismo.it, due interventi su ONU e Articolo 11 della Costituzione

Attuare lo Statuto delle Nazioni Unite (di Gianni Ferrara)

La guerra in Libia e la Costituzione (di Gaetano Azzariti)