12 | 12 | 2019

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Legge elettorale: PASSIGLI, Sospensione raccolta firme referendum

Facciano lo stesso i promotori del referendum per il Mattarellum.

(ASCA) - Roma, 8 luglio - Stefano Passigli, promotore del referendum contro il Porcellum - referendum criticato perché riporterebbe al proporzionale - annuncia la sospensione della raccolta delle firme e convoca per la prossima settimana il Comitato per valutare la situazione.
L'annuncio della sospensione è stato fatto da Passigli con un comunicato nel quale invita a fare altrettanto chi punta ad un altro referendum studiato per resuscitare il 'Mattarellum'.
 
''Scopo del comitato promotore dei quesiti referendari depositati in Cassazione oltre un mese fa era - e rimane - il superamento del Porcellum e lo stimolare il Parlamento - afferma Passigli - ad approvare una nuova legge elettorale che torni a porre nelle mani dei cittadini la selezione dei parlamentari, e ponga in sicurezza le nostre massime Istituzioni di garanzia. All'ampia e favorevole adesione della società civile e di vari esponenti politici ha corrisposto una diversità di valutazione di altri esponenti politici che hanno annunciato la presentazione di un secondo referendum. I referendum vivono della forza che dà loro la società civile''.

''Iniziative contrapposte - aggiunge Passigli - non solo ne pregiudicherebbero la forza e forse l'esito, ma screditerebbero lo stesso istituto referendario che proprio ora sembra aver ritrovato la sua validita'''.

''In questa ottica e nell'intento di favorire una auspicabile convergenza tra quanti ritengono necessario superare il Porcellum prima delle prossime elezioni, il Presidente del Comitato Stefano Passigli ha convocato il Comitato per la prossima settimana, annunciando nel frattempo - così si conclude il comunicato - una sospensione della raccolta delle firme e invitando i possibili promotori di un secondo referendum a soprassedere analogamente alla sua presentazione in attesa di un incontro che verifichi la possibilità di un'azione comune''.