21 | 08 | 2018

Versione CMS del sito www.riforme.net - Per gli anni precedenti, sito aggiornato al 9 aprile 2014 causa problemi al database

Rassegna Stampa

Rassegna stampa dei commenti e le notizie inerenti le Questioni Istituzionali.

L’idolatria della governabilità

di Gianni Ferrara
 
In un Paese civile, un evento senza precedenti nella storia degli stati, come la declaratoria di incostituzionalità del sistema di elezione del Parlamento – cioè della legge che sancisce la forma di stato e inerisce alla forma di governo - avrebbe determinato, immediatamente e senza alcuna esitazione, lo scioglimento immediato delle assemblee elette con quel sistema. Con l’assoluta sicurezza della legittimità del sistema elettorale col quale sarebbero state elette le nuove Camere, stante la fortuna di disporre di un meccanismo elettorale di risulta costituzionalmente corretto e immediatamente utilizzabile, depurato com’è delle disposizioni illegittime. Siamo, invece, in Italia. Ci tocca quindi constatare che le due Camere del Parlamento restano, spavaldamente, in carica. Per giunta si apprestano a riformare addirittura la Costituzione ed intanto a provvedersi di un altro sistema elettorale. A proporlo sono stati due personaggi ambedue sprovvisti di potere propositivo legale. Uno perché condannato per truffa a danno dello stato ed interdetto dai pubblici uffici, l’altro perché era titolare di una carica che lo rendeva incompatibile col mandato parlamentare. Ambedue in preda all’ossessione di acquisire, esercitare e incrementare potere personale, anche calpestando norme e principi. Ma non basta. Ad integrare la devastazione giuridica, politica e morale che sta attraversando la nostra Repubblica, si aggiunge il tipo di sistema elettorale che propugnano i due usurpatori dei diritti dei componenti delle due Camere. Sistema che riproduce sfacciatamente le incostituzionalità già accertate dalla Corte, le riveste e le imbelletta con sguaiata volgarità.

Leggi tutto...

La legge elettorale nella relazione annuale del presidente della Corte costituzionale

di Gaetano Azzariti
Come al solito la politica interpreta secondo le proprie convenienze le dichiarazioni degli altri. Così, volendo perseguire la strada di una rapida approvazione della legge elettorale, si è voluto sottolineare la parte meno significativa della relazione del presidente della Corte costituzionale. È, infatti, del tutto evidente che non può essere la Consulta a scrivere la legge elettorale ed essa si è dunque “limitata a dichiarare costituzionalmente illegittime alcune norme” sottoposte al suo sindacato; pertanto, si può ben affermare che “l’arco delle scelte del legislatore [rimane] molto ampio”. Ciò non vuol dire però che il parlamento possa adottare qualsiasi nuovo sistema di elezione.

Leggi tutto...

L'abolizione delle elezioni

di Patrizia Turchi
Con gli ultimi provvedimenti in materia di enti amministrativi (scomparsa delle Circoscrizioni cittadine e delle Province), ma soprattutto con le vicende di governo, pare si vada senza remore verso l'idea che le elezioni siano inutili e che producano step superflui all'azione esecutiva.

Leggi tutto...

Le elezioni regionali sarde viste dal lato dei numeri

Numeri, numeri e solo numeri.
E se dopo aver letto i numeri la legge elettorale sarda e l'elezione diretta dei Presidenti di Regione vi sembreranno, nell'insieme, una grande scemata... tranquilli, potrete dire di avere i numeri dalla vostra parte.
 
Affluenza (voglia di partecipare):
Su 1.480.332 elettori hanno votato solo in 774.939, cioè il 52,34%.

Leggi tutto...

#Italicum: AAA, emendamento per soglia costituzionale anche al ballottaggio cercasi

Ultimo aggiornamento: 12-2-2014
Dopo la sentenza della Corte Costituzionale contro il Porcellum, per poter acquisire il premio di maggioranza non è più sufficiente arrivare primi, ma si deve raggiungere anche una soglia minima di voti.
Per superare questo rilievo, l'italicum di Renzi e Berlusconi, a seguito degli ultimi emendamenti presentati dal relatore Sisto, prevede l'assegnazione del premio di maggioranza, a condizione che chi arrivi primo abbia ottenuto non meno del 37% dei voti validi.
Laddove nessuna lista o coalizione riesca a raggiungere questo 37%, le prime due vanno al ballottaggio, con l'assegnazione di 321 seggi alla coalizione o lista vincente.
Ma come e perché lo stesso numero minimo di voti non dovrebbe essere altrettanto necessario, come requisito minimo indispensabile, per poter acquisire il premio di maggioranza dopo il ballottaggio?
Se il ballottaggio costituisce, infatti, un perfezionamento della volontà elettorale, questo perfezionamento, per essere completo ai fini dell'assegnazione del premio, deve necessariamente far riferimento, come requisito indispensabile, anche allo stesso numero minimo di voti (voti effettivi e non le astratte percentuali che potrebbero nascondere un'eventuale scarsa partecipazione degli elettori al secondo turno) che sarebbe stato necessario ottenere al primo turno ai fini dell'assegnazione del premio.
Se così non fosse, ci troveremmo di fronte ad un trucco per aggirare la necessità della soglia richiesta dalla sentenza della Consulta,
Se si condivide, un mail ai parlamentari non costa nulla.

Leggi tutto...

Appello dei giuristi: Italicum peggio del Porcellum, fermatevi

La pro­po­sta di riforma elet­to­rale depo­si­tata alla Camera a seguito dell’accordo tra il segre­ta­rio del Par­tito Democra­tico Mat­teo Renzi e il lea­der di Forza Ita­lia Sil­vio Ber­lu­sconi con­si­ste sostan­zial­mente, con pochi cor­retivi, in una rifor­mu­la­zione della vec­chia legge elet­to­rale – il cosid­detto “Por­cel­lum” – e pre­senta per­ciò vizi ana­lo­ghi a quelli che di que­sta hanno moti­vato la dichia­ra­zione di inco­sti­tu­zio­na­lità ad opera della recente sen­tenza della Corte costi­tu­zio­nale n.1 del 2014.

Leggi tutto...

Ma questo Parlamento può fare una nuova legge elettorale o no?

di Aldo Giannuli
 
Recentemente ho rilasciato un’intervista a “La Repubblica” (6 gennaio 2014) che, a causa di qualche taglio, può aver ingenerato qualche equivoco che qui mi sembra il caso di dissipare. Il giornalista mi ha chiesto se ritenevo il Parlamento illegittimo e, pertanto, non in grado di occuparsi della riforma elettorale. Come in altre interviste (ad es. data a “La 7” il giorno 7 gennaio) ho precisato che la questione si pone su due piani diversi, che occorre non confondere: quello giuridico e quello politico.
 
Sul piano giuridico il Parlamento è legittimo perché, per definizione, gli organi dello Stato non ammettono “vacanze”; diversamente dovremmo ritenere illegittimo anche il Presidente Napolitano, eletto da questo Parlamento, il giudice Giuliano Amato, nominato da questo Presidente e, in definitiva la stessa sentenza della Corte perché al voto su di essa ha partecipato Amato che non ne avrebbe avuto titolo.

Leggi tutto...

Il Porcellum non c'è più, ma per arrivare a far pronunziare la Consulta ...

Un’Odissea Giudiziaria e Elettorale
di Felice Besostri
 
«Mio padre commerciava frutta all’ingrosso ai Mercati Generali di Milano allora in Corso XXII Marzo dove ora c’è il Largo  Marinai di Italia e la Palazzina Liberty era semplicemente il posto di ristoro per gli operatori del Mercato e non il luogo delle sperimentazioni teatrali di Dario Fo e Franca Rame e successivamente, dopo un lungo periodo di abbandono  degrado, la sede dei concerti di Milano Classica. A quel tempo c’erano ancora carrelli a mano con uomini tra le stanghe come animali da tiro e gli stallazzi per i cavalli e nei pressi Gualtiero Marchesi faceva le sue prime esperienze.

Leggi tutto...

L'europorcellum da cambiare

di Barbara Spinelli

Ancora non sappiamo come reagiranno i cittadini europei e italiani, il 22-25 maggio quando si voterà per il nuovo Parlamento dell'Unione - se diserteranno le urne, se si interesseranno ai propri rappresentanti in Europa - ma sin da ora sappiamo una cosa: per la prima volta, nella crisi che ci assilla, parlano e decidono i popoli, e non più solo le troike, la Banca centrale, ancor peggio il Fondo monetario.

Leggi tutto...

Il problema è politico, non di governabilità

Gaetano Azzariti

Che la legge elet­to­rale fosse inco­sti­tu­zio­nale era fatto noto­rio. La Corte lo aveva già segna­lato in tre diverse pronunce, men­tre ben due pre­si­denti della Con­sulta (prima Franco Gallo, poi Gae­tano Sil­ve­stri) ave­vano anti­ci­pato l’orientamento dei giu­dici costi­tu­zio­nali con chiarezza, in sedi anche ufficiali.

Leggi tutto...